Pezzi di ferro nel pellet

A volte può capitare di trovare dei pezzi di ferro nel pellet. Può succedere, infatti, che all’interno del sacchetto finiscano delle parti metalliche provenienti dalla linea di produzione come viti e bulloni o chiodi. Generalmente le migliori fabbriche di pellet dispongono di strumenti volti ad eliminare questo rischio come ad esempio i deferrizzatori magnetici.

Questa eventualità è un problema grave per il rischio che il corpo estraneo metallico rappresenta per la stufa o caldaia a pellet. Infatti, se il pezzo di ferro raggiungesse la coclea di alimentazione del pellet, oltre a provocarne il bloccaggio, potrebbe bruciare il motoriduttore che comanda la coclea stessa.

In altri casi si parla – erroneamente – di residui di ferro o più in generale di residui metallici nel pellet riferendosi al clinker, il residuo silicico che può formarsi a seguito del raffreddamento delle ceneri. L’errore deriva dall’aspetto durissimo del clinker simile a metallo e dal rumore metallico che produce al contatto con alti corpi solidi.

Condividi

Ottieni questo spazio in esclusiva nazionale

Non c'è ancora un rivenditore certificato Pelletit.it in questa zona, contattaci per ricevere un'offerta personalizzata.

Sei un azienda? Aumenta la visibilità della tua rivendita:
non perdere tempo inizia oggi!

Scopri come

Diventa RIVENDITORE Pelletit

ENTRA OGGI NEL NETWORK PELLETIT

  • Visibilità: inserisci la tua attività nel portale per raggiungere più clienti nella tua zona
  • Offerte dedicate: ricevi le offerte in tempo reale da importatori e distributori per acquistare pellet migliore al miglior prezzo

    Sei un PRIVATO?

    SCOPRI I RIVENDITORI PELLETIT

    Vuoi ricevere aggiornamenti sui prezzi del pellet al dettaglio nella tua provincia?

    Gratis e senza impegno!