Residui duri nel pellet e Clinker

Il tema dei residui duri nel pellet, o meglio nelle ceneri, è fra quelli in assoluto più dibattuti fra i consumatori, ciononostante sono ancora in molti a non conoscere il fenomeno della formazione del clinker, questa strana massa informe, durissima e dall’aspetto vetroso o metallico.

La prima volta che un consumatore di pellet si imbatte nel clinker grida allo scandalo: “nel mio pellet ho trovato pezzi di ferroplasticavetro, ecc. Sono queste le parole che il povero rivenditore di pellet – ancora ignaro di quale sia il problema – si sente urlare quando il cliente torna a negozio a lamentare ciò che ha visto.

Il fenomeno è tutt’altro che raro e per tante ragioni rappresenta un vero problema per l’utilizzatore. Si rende quindi necessario fare chiarezza una volta per tutte rispondendo alle domande più frequenti sul clinker del pellet.

Cos’è il clinker e da cosa è costituito?

Come si forma il clinker?

E’ pericoloso o dannoso per la stufa o per le persone?

Come evitare la formazione del clinker?

Si scrive Klinker, Clincher o Clinker?

Clinker, residuo silicico duro del pellet

Cos’è il clinker e da cosa è costituito?

Il clinker del pellet è una massa solida, dura, pesante ed informe all’apparenza metallico o vetroso, simile ad una roccia porosa e più o meno friabile. E’ un fenomeno che si verifica nella fase successiva alla combustione del pellet e di altre biomasse ed è suscettibile di creare problemi al normale funzionamento della stufa. Di norma il clinker è costituito per lo più da silicio (stesso elemento di cui è fatto il vetro) che si trova in modo naturale all’interno del legno e delle piante.

Come si forma il clinker?

Il clinker si forma quando la cenere si accumula nel braciere e la temperatura interna supera il punto di fusione. A questo punto le ceneri vanno incontro ad un processo di liquefazione (proprio come lava vulcanica) e al momento dello spegnimento della stufa, a causa del raffreddamento, avviene il processo inverso, ovvero la solidificazione dela materia che assume la forma del contenitore (in questo caso il braciere).

Concorrono alla formazione del clinker una serie di fattori:

  • punto di fusione delle ceneri troppo basso,
  • contenuto in ceneri tendenzialmente elevato,
  • elevata percentuale di silicio nelle ceneri,
  • assenza di sistemi di autopulizia del braciere.

Le prime tre condizioni sono caratteristiche intrinseche del pellet utilizzato, alcune delle quali possono a volte trovarsi rappresentate in etichetta (ceneri e punto di fusione), mentre l’ultimo è un fattore ambientale, ovvero il modello di stufa o caldaia nella quale viene bruciato il pellet.

A parità di pellet, infatti, alcune stufe potrebbero riscontrare il fenomeno della formazione del clinker ed altre no, dipende dal modello e quindi dalla presenza o meno di sistemi di autopulizia del braciere. Se una stufa dispone di sistemi di autopulizia del braciere le ceneri non hanno modo di accumularsi e quindi di andare incontro a fusione. Per contro, alcuni pellet hanno un livello di ceneri così basso e/o un punto di fusione così elevato che, anche in stufe senza sistemi di autopulizia, tendono a non clinkerizzare.

Un elevato contenuto in silicio nella composizione delle ceneri ne abbassa il punto di fusione ed aumenta la tendenza a formare il clinker, ne è un esempio lampante il pellet di lolla di riso o cannuccia palustre (arundo donax).

E’ pericoloso o dannoso per la stufa o per le persone?

Il clinker non è assolutamente pericoloso per le persone, non si forma per la presenza di collanti nel pellet o altri additivi non naturali. E’ un fenomeno naturale ma non per questo non antipatico. La formazione del clinker potrebbe, ad esempio, impedire l’accensione automatica della stufa per mancato contatto fra il pellet e la resistenza (candeletta) responsabile dell’innesco del fuoco. Oltre, evidentemente, a comportare una pulizia più difficoltosa.

Residui duri nel pellet e Clinker

Come evitare la formazione del clinker?

Ci sono alcune regole che dovrebbero essere osservate dai produttori di pellet. Come abbiamo già detto il clinker è il risultato della fusione di alcune sostanze inorganiche naturalmente presenti nelle biomasse quali sali minerali o metalli. Tuttavia non è escluso che grandi quantità di queste sostanze possano concentrarsi nel pellet a causa di una cattiva gestione dell’impianto di produzione o di fattori ambientali.

Facciamo due esempi tipici. Il primo caso è quello del produttore che non dispone di piazzale pavimentato (cementato) nella zona di stoccaggio del legname. Questa condizione favorisce l’imbrattamento della materia prima con possibile accumulo di materiale inorganico (terra, sabbia, ecc). Il secondo caso è quello dei produttori nord-africani come Egitto e Tunisia che pur producendo pellet di colore chiaro e certificati ENplusA1 spesso portano alla formazione del clinker. In questo caso il problema è rappresentato dalle sabbie del deserto trasportate dal vento che arricchiscono la biomassa in silicio. Solo alcuni produttori di pellet egiziani e tunisini hanno installato vagli ciclonici per separare la sabbia dalla segatura.

Per evitare la formazione del clinker occorre operare in tre direzioni:

  • scegliere un pellet con un elevato punto di fusione delle ceneri ed un livello di ceneri contenuto;
  • scegliere un modello di stufa o caldaia con sistema di autopulizia del braciere;
  • pulire il crogiolo prima dell’accensione con l’aspiraceneri per evitare un eccessivo accumulo di ceneri (caso di stufe senza sistemi di autopulizia).

Si scrive Klinker, Clincher o Clinker?

Abbiamo individuato molti modi di scrivere questa parola. Il vocabolario Treccani considera centrale la versione italiana Clincher (da cui clincherizzazione) e propone anche le varianti Clinker (da cui clinkerizzazione) e Klinker (da cui klinkerizzazione) quale “variante grafica” di clinker. In realtà a livello internazionale la forma più diffusa è proprio Klinker, anche se Wikipedia reindirizza “klinker” sulla pagina “Clinker”.

Condividi

Ottieni questo spazio in esclusiva nazionale

Non c'è ancora un rivenditore certificato Pelletit.it in questa zona, contattaci per ricevere un'offerta personalizzata.

Sei un azienda? Aumenta la visibilità della tua rivendita:
non perdere tempo inizia oggi!

Scopri come

Diventa RIVENDITORE Pelletit

ENTRA OGGI NEL NETWORK PELLETIT

  • Visibilità: inserisci la tua attività nel portale per raggiungere più clienti nella tua zona
  • Offerte dedicate: ricevi le offerte in tempo reale da importatori e distributori per acquistare pellet migliore al miglior prezzo

    Sei un PRIVATO?

    SCOPRI I RIVENDITORI PELLETIT

    Vuoi ricevere aggiornamenti sui prezzi del pellet al dettaglio nella tua provincia?

    Gratis e senza impegno!